Comprare ETF

by admin


Broker
Tipologia
Deposit Min
Leva
Promozione
1.Plus500
CFD
100€
1:300
Senza commissioni

Nell’ampia gamma degli investimenti oggi possibili tramite numerose modalità, vi è quella degli ETF. Comprare ETF è molto semplice e per molti versi anche vantaggioso rispetto ad altri strumenti finanziari, in quanto oltre a consentire di investire su numerosi settori dell’economia riguardanti la liquidità, i mercati azionari, obbligazionari e delle materie prime, questi pagano i dividendi e hanno costi di commissione davvero molto bassi.

Per comprare ETF si può procedere in due modi: rivolgersi alla propria banca oppure ad un broker online. La differenza? I costi di gestione, le spese. Ecco a voi le principali differenze che potrete trovare tra un broker molto popolare e utilizzato, ed una banca media.

Apri un Conto reale Apri un Conto demo

 

 

Quindi, come potete vedere, comprare ETF con un broker online oltre che economico è anche molto pratico. Ora vediamo più in dettaglio in cosa consistono questi particolari strumenti finanziari.

ETP, ETF, ETN, ETC : mettiamo un po’ di ordine

Molto spesso con ETF si intendono comunemente diversi tipi di strumento molto simili. Con ETP si intendono gli Exchange Traded Products, ovvero la macro famiglia dei prodotti ad indice quotati. Degli ETP fanno parte gli ETF (Exchange Traded Funds) e gli ETN (Exchange Traded Notes). Gli ETN sono simili agli ETF e possono replicare un indice (es. l’indice di volatilità) oppure una materia prima. In quest’ultimo caso vengono chiamati ETC. A differenza degli ETF (che sono fondi), gli ETN sono delle note e ciò li rende simili a delle obbligazioni senza cedola a lunghissima scadenza.

 

Vantaggi degli ETF

Gli ETF sono strumenti molto liquidi. Per importi fino a 1.000.000 euro la negoziazione avviene sul mercato di Borsa, mentre per importi superiori è necessario operare OTC (Over The Counter) cioè fuori dal mercato direttamente con un market maker.

Alcuni intermediari offrono la possibilità di vendere gli ETF allo scoperto (short selling) per poter assumere una posizione ribassista, specialmente sui mercati azionari.

Proprio per la presenza di commissioni bassissime a causa della gestione passiva e tuttavia rendimenti maggiori, le banche non si mostrano entusiaste nell’offrirle ai clienti, poiché esse sono costrette ad applicare agli ETF delle commissioni più basse rispetto ad altri strumenti, a volte comprendenti solo la compravendita del titolo. Le banche sono solite enfatizzare i prodotti molto più dispendiosi per il cliente e quindi più remunerativi per l’azienda. Ad ogni modo, negli ultimi anni gli ETF sono diventati un grande punto di forza dei mercati internazionali.

Nonostante la caratteristica della gestione passiva, negli ultimi anni gli ETF hanno conseguito mediamente risultati migliori rispetto ai fondi attivi.

Comments


Comments are closed.